Italiano | English

< sezioni

mondo >

Di nuovo libero il presunto rapitore di una bimba di 5 anni

E' di nuovo libero l'indiano di 43 anni Ram Lubhaya, indagato per il tentativo di sequestro di una bimba di 5 anni, lo scorso 16 agosto sul lungomare di Scoglitti, in provincia di Ragusa. A stabilirlo è stato il sostituto procuratore di Ragusa Giulia Bisello, dopo l'interrogatorio dell'uomo, che si è concluso intorno all'1 di notte. L'indiano, senza permesso di soggiorno e con precedenti penali (huffingtonpost.it)

Emergenza incendi, Conapo: pochi uomini e mezzi per fronteggiare le emergenze. Aspettiamo ancora un incontro con Crocetta

Le difficoltà riscontrate nello spegnimento dell’incendio boschivo che si è sviluppato nella zona di Chiaromonte Gulfi, in provincia di Ragusa, sta mettendo duramente alla prova i Vigili del Fuoco del locale distaccamento, costretto a lavorare con soli 7 uomini e 6 automezzi di cui 4 terrestri, i quali con grande abnegazione, garantiscono ugualmente il servizio in favore del cittadino. In (marsalaoggi.it)

Tunisino annega in mare nel tentativo di salvare i suoi due figli

Un tunisino di 49 anni è annegato ieri nel pomeriggio del 15 agosto , nel tentativo di salvare i suoi due figli che stavano per annegare trasportati dalla corrente, a Scoglitti (Ragusa), presso località Costa Fenicia, nel tentativo di salvare i suoi due figli che stavano per annegare trasportati dalla corrente. Una donna poliziotto fuori servizio ha sentito il grido di aiuto di uno dei due (marsalaoggi.it)

Danno erariale per oltre 55.000 euro, denunciati 6 funzionari scolastici e un imprenditore

Sono sei i funzionari sclolastici di un istituto scolastico di Modica denunciati per abuso d’ufficio, frode nelle pubbliche forniture, turbata libertà degli incanti e truffa aggravata in concorso. Alla denuncia si è arrivati attraverso una complessa indagine, condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa, finalizzata alla tutela del bilancio pubblico. I soggetti, ritenuti (marsalaoggi.it)

Video

L'EDITOR CITATO ARTICOLO

Pop tag: roma, Ancona, Firenze, Bari, milano, torino, Napoli, Ravenna, venezia, genova

RAGUSA

Ragusa – Panorama

Ragusa (Raùsa in siciliano) è un comune italiano di 73.747 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Sicilia.


Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ragusa (disambigua). Ragusa comune (dettagli) Dati amministrativi Stato  Italia Regione Sicilia Provincia Ragusa Sindaco Nello Dipasquale (Popolo della Libertà) dal 26/06/2006, autosospesosi dal PDL il 25/09/2009 Territorio Coordinate 36°55′30″N 14°43′50″E / 36.925°N 14.730556°E / 36.925; 14.730556Coordinate: 36°55′30″N 14°43′50″E / 36.925°N 14.730556°E / 36.925; 14.730556 Altitudine 502 m s.l.m. Superficie 442,6 km² Abitanti 73.747 (31-03-2011) Densità 166,62 ab./km² Frazioni Marina di Ragusa, San Giacomo Bellocozzo Comuni confinanti Chiaramonte Gulfi, Comiso, Giarratana, Modica, Monterosso Almo, Rosolini (SR), Santa Croce Camerina, Scicli, Vittoria. Altre informazioni Cod. postale 97100 Prefisso 0932 Fuso orario UTC+1 Codice ISTAT 088009 Cod. catastale H163 Targa RG Cl. sismica zona 2 (sismicità media) Cl. climatica zona C, 1324 GG Nome abitanti ragusani Patrono san Giovanni Battista e San Giorgio Giorno festivo 29 agosto Localizzazione Ragusa Posizione del comune di Ragusa all'interno dell'omonima provincia Sito istituzionale « Ragùs forte rocca, città ricchissima che vanta antiche origini, nei cui mercati è un continuo andirivieni di genti da tutte le nazioni » (Idrisi, Libro di Ruggero)

Ragusa (Raùsa in siciliano) è un comune italiano di 73.747 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Sicilia.

È il settimo comune della regione per popolazione e il terzo per superficie.

La città è la più agiata del mezzogiorno d'Italia; essa è chiamata la "città dei ponti" per la presenza di tre strutture molto pittoresche, ma è stata definita anche da letterati, artisti ed economisti come "l'isola nell'isola" o "l'altra Sicilia", grazie alla sua storia e ad un contesto socio-economico molto diverso dal resto dell'isola. Nel 1693 un devastante terremoto causò la distruzione quasi totale dell'intera città, mietendo più di cinquemila vittime. La ricostruzione, avvenuta nel XVIII secolo, la divise in due grandi quartieri: da una parte Ragusa superiore, situata sull'altopiano, dall'altra Ragusa Ibla, sorta dalle rovine dell'antica città e ricostruita secondo l'antico impianto medioevale.

I capolavori architettonici costruiti dopo il terremoto, insieme a tutti quelli presenti nel Val di Noto, sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Ragusa è uno luoghi più importanti in assoluto per la presenza di preziose testimonianze di arte barocca.